La fatica mentale è in profonda relazione con i blocchi nella bioenergia nel corpo-1

La fatica mentale è in profonda relazione con i blocchi nella bioenergia del corpo

Provi una grande fatica mentale, ovvero ti senti “stanco nella testa?”.

Hai la sensazione che forse potresti ancora arrivare a fare altro, a prendere altri impegni, ma la testa inibisce tutti gli input che riceve?

Questa è la fatica mentale, che spesso  risulta essere anche più insidiosa di quella fisica.

Quando le preoccupazioni ed i pensieri martellano la mente, si innesca un meccanismo di negatività che diventa ossessivo e molto pericoloso, che porta all’isolamento e all’incapacità di trovare soluzioni. Spesso si sente anche dire “mi sono lasciato andare alla deriva”.

Ne deriva anche la fatica di vivere, che non è da vedere come un insulto alla vita, ma in realtà va interpretata come stanchezza verso tutte le complicazioni del vivere quotidiano.

Probabilmente con questa frase hai ottenuto parte delle risposte che cercavi, perchè questa sensazione è comune a molte persone in determinati momenti della vita.

 

 

Tecniche Corporee Meditative per la Bio Energia Yin e Yang - Corso istruttori - Accedi alla pagina

 

La fatica mentale si esprime attraverso i blocchi energetici

 

I blocchi energetici sono interruzioni del flusso di energia vitale, in una o più aree. Nei periodi complicati o pieni di obblighi, anche senza volerlo cominciamo a fare resistenza, a rifiutare mentalmente tutto ciò che costringe a fare qualunque attività.

Qualche volta vale anche per le cose che ci piacciono.

 

 

Lo studioso e ricercatore Reich e successivamente Lowen, hanno studiato in profondità queste sensazioni, creando i presupposti per uno studio psico-fisico che ha dato origine alla BIOENERGETICA.

La bioenergetica è una disciplina che si occupa di analizzare la relazione che si crea tra i blocchi fisici (zone muscolari contratte in modo permanente) e quelli emotivi ed energetici. Studiando il metodo di questi due grandi terapeuti, si apprende che il corpo cambia letteralmente forma, si adatta nell’aspetto al blocco energetico-muscolare.

Quando la bio energia smette di fluire nei canali vitali, il corpo perde luce, perde vitalità, perde forza e vigore.

 

Tecniche Corporee Meditative per la Bio Energia Yin e Yang - Corso istruttori - Accedi alla pagina

 

Il corpo e la stanchezza mentale

 

In molti casi l’azione stessa, che la persona deve compiere a livello inconsapevole per “mantenere” il blocco fisico, finisce per determinare una grande fatica mentale.

In un certo senso possiamo pensare che il cervello isola una porzione (più o meno vasta), che tiene poi impegnata h24 per conservare il “muro muscolare” creato. E’ come avere una spia di allarme sempre accesa.

Questo stato tende a mantenersi e ricrearsi, anche se cerchiamo, con tutta la buona volontà, di “rilassare la mente”. In aggiunta ai dolori muscolari (che nel tempo sono inevitabili), rimane una crescente percezione di tensione che non si riesce a scaricare.

 

 

La fatica mentale è in profonda relazione con i blocchi nella bioenergia nel corpo-4

Ascoltare la voce del corpo: leggi il post, clicca sull’immagine

 

Chi pensa di combattere la fatica mentale trasferendosi in altri luoghi, o partendo per una vacanza, avrà presto una grande delusione, perchè la stanchezza mentale, a differenza di noi, non va mai in vacanza, quindi ci segue ovunque.

Forse in vacanza puoi sentirti meglio semplicemente perchè sei temporaneamente lontano dagli impegni, ma appena torni ritrovi tutto ciò che hai lasciato.

Quindi qui entra in gioco un altro fattore che è legato al potere della nostra mente, e spesso anche della nostra forza interiore. Ma non tutti abbiamo la stessa forza… dobbiamo pertanto imparare a farla emergere.

 

La fatica mentale toglie la gioia di vivere

 

La fatica mentale, un po’ per giorno ti priva della gioia di vivere, della capacità di goderti i momenti belli con le persone che ami e con te stesso, presentandoti una realtà difficile cosparsa di ostacoli.

In questi momenti, più provi a rilassarti e più percepisci la tensione.

Ti sarà capitato di trovarti in compagnia dei tuoi cari e di sentirti a disagio, di sentire la testa stanca, vuota, pesante e di non vedere l’ora di tornare a casa. Accade ciò perché la fatica mentale è annidata dentro di te, gira con il tuo pensiero come il carburante dentro al motore di un’automobile.

Ovvio che se il carburante finisce l’auto si spegne, quindi… come “spegnere la fatica mentale?”.

 

La fatica mentale è in profonda relazione con i blocchi nella bioenergia nel corpo-3

In che modo si possono sciogliere i blocchi registrati nelle memorie cellulari?

 

Quando un arresto energetico si è ormai ancorato nel corpo e causa sensazioni di dolore o di semplice disagio, non è più sufficiente praticare le tecniche di rilassamento o di meditazione per lasciarlo andare. L’effetto dura al massimo qualche ora o un giorno, poi si ripresenta.

Questo si verifica perché l’informazione è stata trasferita alle memorie cellulari, che funzionano in modo simile ad un disco in loop, ripetendo all’infinito il programma.

L’unico modo per interromperlo è AGIRE SUL CORPO FISICO, per liberare l’energia bloccata e spingerla a riprendere la sua regolare circolazione.

 

Insieme allo sblocco, tornerà la sensazione di benessere e di trovarsi al posto giusto nel momento giusto.

Quindi, per ridurre in modo significativo la fatica mentale, in prima battuta occorre agire stancando il corpo fisico. Attività come camminare con passo rapido, correre, saltare, danzare, sono alcuni esempi utili… ogni attività molto impegnativa per il fisico, agisce liberando la mente.

 

Tecniche Corporee Meditative per la Bio Energia Yin e Yang - Corso istruttori - Accedi alla pagina

 

Come è nata la meditazione CORPOREA e Bio-Energetica

 

Ho provato, studiato ed insegnato molte tecniche di meditazione statica, visualizzazioni, introspezioni…  ma se devo essere sincera, né io né i miei allievi siamo riusciti a risolvere i blocchi profondi attraverso queste modalità.

Poi, circa dieci anni fa, ho provato a cambiare direzione. Avendo una lunga esperienza precedente (in varie fasi di vita) con la danza, il respiro taoista, le arti marziali ed il teatro, ho estrapolato e riunito i presupposti di queste discipline per creare degli esercizi nuovi, basati sullo sblocco corporeo.

Tutti questi principi, uniti alla filosofia e allo schema del benessere che sta alla base della Medicina Tradizionale Cinese, sono stati la chiave per giungere a toccare in profondità le vibrazioni registrate nelle cellule.

Vibrazioni derivanti dal vissuto personale, dei genitori, della Società… Schemi di pensiero che gradualmente sono emersi per poi defluire, liberando il corpo e la mente. Riconnettendo le persone con il loro centro e con la Terra.

 

La fatica mentale è in profonda relazione con i blocchi nella bioenergia nel corpo-5

Iwakura®

 

Per lasciar andare la fatica mentale ed ottenere in modo rapido e facile uno stato di benessere, ho riunito i miei esercizi in un metodo di meditazione corporea che si chiama “ Iwakura®, il corpo che medita”. A differenza delle altre tecniche meditative, “il corpo che medita” toglie potere alla mente e riporta il focus sul ritmo vitale del corpo.

L’ansia spesso emerge per un eccesso di pensieri accumulati, che la testa cerca di gestire e risolvere tutti insieme. Con questo metodo i pensieri vengono letteralmente “portati in basso”, dentro il corpo, immersi nel flusso della terra, poi vissuti e gestiti con molta più semplicità.

Le tecniche (rapide) che impari nel corso, servono in primo luogo per affrontare diversamente le circostanze difficili, ed in secondo luogo per “scaricare” la tensione accumulata.

 

Se hai già provato le tecniche di rilassamento (oppure la meditazione statica, lo yoga, ecc.) e non sei riuscito a superare i blocchi, allora questo potrebbe essere il metodo adatto a te.

Un movimento fatto di percezione bioenergetica, di presenza attiva nel corpo, di espressione del proprio vissuto interiore attraverso l’espansione dinamica.

Questo corso di movimento energetico è certificato come attività sportiva (fitness) a livello nazionale tramite la federazione MSP-CONI.

 

Ti piacerebbe saperne di più? Visita la pagina del corso di formazione professionale, poi incontriamoci per parlarne insieme.