Come-combattere-la-stanchezza-3

Come combattere la stanchezza e ritrovare l’equilibrio

Come combattere la stanchezza che nasce dallo stress e non dalla normale attività fisica?

Dopo un periodo di inattività prolungata come quello da cui siamo passati negli ultimi mesi, ma anche nei momenti in cui le preoccupazioni continue risucchiano tutta l’energia vitale, combattere la stanchezza è indispensabile per non abbandonarsi al torpore mentale e fisico.

Anche in questo frangente, la medicina cinese ci suggerisce come ritornare attivi e lucidi in poco tempo.

Liberarsi dal ristagno e comprendere come combattere la stanchezza

Per riattivare e far circolare l’energia ristagnante, come nel caso di un lungo periodo in cui il tragitto più lungo percorso è stato quello dal frigorifero al divano, occorre rimettere in moto i vasi straordinari.

Due in particolare: Lo yin wei e lo yang wei, canali di collegamento yin e yang.

Yin wei mai e yang wei mai sono due vasi straordinari che alimentano numerose funzioni, unendo le rispettive polarità, come per  esempio:

  • La capacità di relazionarci con gli altri
  • Le trasformazioni e le transizioni della vita
  • L’abilità nei cambiamenti e negli spostamenti a tutti i livelli
  • L’immagine che abbiamo di noi stessi e l’autostima
  • La capacità di perseguire obiettivi positivi
  • ecc.

 

Come-combattere-la-stanchezza-2

 

Ecco perché questi vasi sono due importanti alleati nel combattere la stanchezza mentale e fisica, ma soprattutto lo stress. Infatti, è molto frequente entrare in fase di stallo, sia dopo un periodo di isolamento, sia dopo un lasso di tempo denso di problemi o di preoccupazioni legati agli eventi della vita.

Il rimuginio mentale porta l’elemento terra a rallentare rigirando su se stesso, per cui tutto il sistema dei 5 elementi frena sempre di più.

Dopo un po’ diventa stancante e faticoso persino il semplice atto di pensare.

 

VIENI A SCOPRIRE I NOSTRI CORSI

 

Come ripristinare il flusso dell’energia vitale?

Ora vediamo come combattere la stanchezza attraverso dei semplici accorgimenti. Qualcuno pensa che per ristabilire il flusso vitale sia sufficiente praticare discipline senza movimento come il respiro, la meditazione statica o i trattamenti energetici, ma non è sufficiente.

I risultati che si raggiungono attraverso queste tecniche sono utili in un periodo di normalità con una sufficiente mobilità quotidiana, ma non quando il corpo e la mente sono in stato di annebbiamento.

Per rimettere in circolazione l’energia del corpo c’è un solo metodo veramente efficace: muoversi. Riuscire a  dare energia al fisico richiede di passare dal fisico.

Infatti, le persone che svolgono quotidianamente una mansione manuale, raramente lamentano di sentirsi depresse, mentre questo capita spesso a chi svolge mansioni intellettuali, statiche o fa una vita sedentaria.

Tutto viene spiegato facilmente, se pensiamo a COME FUNZIONA LA CIRCOLAZIONE ENERGETICA.

 

come-combattere-la-stanchezza-1

Come combattere la stanchezza? Metodi e consigli

La circolazione energetica è simile a quella venosa: viene spinta al movimento, dal movimento stesso.

Nel caso dei meridiani Yin e Yang Wei Mai,  che abbiamo visto prima, il flusso si mette in moto a partire dai movimenti di flessione ed estensione del piede, della caviglia e della gamba.

Quindi, senza dover per forza praticare uno sport classico (non a tutti piace), l’abilità nell’arte del Qigong Medico o della Meditazione corporea rappresenta un esercizio mediamente leggero, ma molto incisivo dal punto di vista della circolazione energetica.

In alternativa bisogna camminare per 20 minuti al giorno, a passo spedito e con cadenza regolare, quindi senza fermarsi.

Il movimento di spinta che viene calibrato nella ginnastica orientale porta il Qi, l’energia vitale, a risalire lungo i vasi raggiungendone la vetta nel cranio, e successivamente a ridiscendere verso il basso, così si genera una dinamica che ricarica velocemente tutti i sistemi biologici.

 

VIENI A SCOPRIRE I NOSTRI CORSI

 

La circolazione del qi riduce rapidamente la stanchezza

Il movimento regolare produce un aumento della vivacità ed il miglioramento rapido dell’umore. Sentirsi più attivi aiuta a patire sempre meno la fatica e a superare la fame nervosa.

Per questo, le ginnastiche orientali rivolte verso l’equilibrio del Qi, come il Qigong Medico o la Meditazione corporea, costituiscono un’ottima forma di fitness e sono spesso consigliate a chi soffre di umore altalenante.

Sbloccare l’energia e prevenire i ristagni con il movimento, significa avere a disposizione un potenziale di forza interiore moltiplicato, che trasformerà la frustrazione negativa in grinta positiva, e l’indolenza in intraprendenza.